Come scegliere il cuscino: le caratteristiche da conoscere

Come scegliere il cuscino per un buon riposo
Come scegliere il cuscino per un buon riposo

La decisione circa lo scegliere il cuscino è importante quanto quella del materasso, considerando che un buon sonno è fondamentale per la nostra salute.  

Il cuscino o guanciale deve sostenere il capo e ha quindi un ruolo determinante per la qualità del riposo.

Quando lo si deve scegliere è bene considerare alcune caratteristiche e il modo in cui si dorme.I rischi di dormire con un cuscino non adatto alle nostre esigenze anatomiche e di posizione sono disturbi a schiena e collo, con conseguente malessere generale. Il tratto cervicale svolge infatti un ruolo cruciale per l’intera colonna vertebrale.

Come scegliere quindi il cuscino? Vediamolo insieme.

LEGGERE ANCHE: COME SCEGLIERE IL MATERASSO GIUSTO: CARATTERISTICHE E TIPOLOGIE

Scegliere il cuscino perfetto: le caratteristiche da considerare

Scegliere il cuscino: le caratteristiche
Scegliere il cuscino: le caratteristiche

Iniziando dalla dimensioni, esse sono:

  • la larghezza: la misura giusta dovrebbe essere di circa un metro, per accogliere l’ampiezza delle spalle
  • l’altezza: normalmente compresa tra i 10 e i 20 centimetri e la scelta dipende dalla posizione nella quale siamo abituati a dormire. Un cuscino basso, di 10 cm, può andare bene per bambini o per chi dorme a pancia in giù. Un cuscino medio, di 13 cm, va bene per chi dorme supino. Un cuscino medio-alto, di circa 15 cm, è preferibile per chi dorme di fianco.
  • la consistenza: i cuscini possono essere rigidi o morbidi, a seconda dei gusti ma sempre tenendo presente che non possono essere troppo soffici o troppo duri, per un discorso di salute del collo. Per chi dorme a pancia in giù meglio che siano morbidi, per chi dorme supino mediamente rigidi, mentre per chi dorme di lato vanno bene più ridigi.

I materiali e le caratteristiche dei cuscini di ogni tipo

Circa il materiale i cuscini possono essere principalmente:

  • in gommapiuma
  • in lattice: può essere naturale o sintetico
  • in memory foam: si tratta di una schiuma che si adatta alla forma della testa e del collo
  • in piuma d’oca: si tratta di cuscini imbottiti di piume di oche o anatre

Alcuni speciali sono quelli in materiali biologici, con cereali e pula come imbottitura, o ad acqua.

Di seguito alcune caratteristiche dei cuscini legate al tipo di materiale:

  • i migliori per chi è allergico agli acari sono quelli in lattice e memory foam
  • i più freschi sono quelli in materiali biologici
  • i più caldi sono quelli in gommapiuma
  • i più rigidi quelli in lattice.

In media la durata di un cuscino è circa la metà di quella di un materasso, cioé 5 anni.

E’ bene girarli spesso e lasciarli all’aria prima di rifare il letto, ma non alla luce diretta del sole. Se lavabili è consigliato farlo almeno 1 volta l’anno.

Scegliere il cuscino per chi dorme di fianco
Scegliere il cuscino per chi dorme di fianco