Il calendario dei lavori domestici: come organizzare le varie attività

Lavori domestici in famiglia
Lavori domestici in famiglia

Come in tutti i campi, anche i lavori domestici hanno bisogno di organizzazione. Le faccende che si fanno a casa infatti sono numerose e un calendario settimanale, affiancato da uno annuale, può certamente aiutare.

Spesso si parla delle pulizie di primavera, perché la casa dopo i mesi autunnali e invernali, complice la minore luce, il freddo e le finestre chiuse per la maggior parte del tempo, ha sicuramente bisogno di cambiare aria. Come ben sappiamo però la casa va pulita e sistemata tutto l’anno.

Vediamo insieme allora quali tipologie di lavori occorre fare, quando e perché.

LEGGI ANCHE: PULIZIE DI PRIMAVERA: I CONSIGLI PER UNA CASA SPLENDENTE

Lavori domestici: l’organizzazione per avere casa pulita

bucato
Lavori domestici: il bucato

Sia che si ha un aiuto in casa, sia che si è da soli, è bene organizzare i lavori domestici in funzione del tempo a disposizione, del periodo dell’anno e delle esigenze che man mano emergono.

Un’organizzazione dettagliata, che arrivi anche al quotidiano, se da una parte può spaventare, dall’altra facilita l’esecuzione dei compiti: sapere cosa fare ogni giorno in anticipo evita dimenticanze e complicazioni.

Non arrivare a trovarsi oberate di lavoro ci salva da stress inutili e gravosi.

Non si può pensare di pulire a fondo tutta la casa in un giorno. E’ un compito impossibile e super stancante. La cosa migliore è programmare di pulire a fondo una camera alla volta.

La programmazione quotidiana, inoltre, se avete un aiuto in casa servirà anche a non rimanere sorpresi o delusi.

Organizzare i lavori domestici: il calendario settimanale

spesa settimanale in coppia
Spesa settimanale in coppia

I lavori domestici che occorre considerare nel definire un calendario sono:

  • bucato
  • riordino
  • pulizia ambienti
  • spesa
  • preparazione dei pasti

Si possono prevedere alcuni lavori ricorrenti e alcuni da svolgere solo un giorno alla settimana.

Tutti i giorni, ad esempio, si può ipotizzare di pulire bene una camera per volta, si provvede all’eventuale spesa del giorno e alla preparazione dei pasti.

Il resto dei lavori domestici va invece spalmato nei vari giorni della settimana:

  • due giorni ci si dedica al bucato (può bastare anche uno, dipende dal numero dei componenti della famiglia)
  • due giorni per il riordino dei vestiti (idem come sopra)
  • un giorno dedicato alla pulizia approfondita della cucina
  • un giorno alla spesa grande

Se si rispetta lo schema, e se tutti i membri della famiglia ne sono al corrente, tutto sarà più facile e ci sarà anche maggiore collaborazione.

LEGGI ANCHE: PULIZIE DI PRIMAVERA: TUTTO QUELLO CHE DEVI SAPERE

Il calendario annuale dei lavori domestici

 

Come dicevamo, ogni stagione, non solo la primavera, può richiedere dei lavori aggiuntivi. E quindi sapere cosa fare ogni mese in anticipo non ci fa avere sorprese. Di seguito un’idea dei lavori domestici da dover preventivare ogni mese:

  • a gennaio, dopo le vacanze e le feste di Natale, occorre riorganizzare in funzione dei regali ricevuti. Occorre fare spazio e quindi si farà una cernita di ciò che non si usa più
  • a febbraio, si parla sempre del mese del bianco, ci si può dedicare alla biancheria: riparare eventuali guasti ai capi e sostituire quelli non più utili
  • a marzo: si può iniziare il cambio di stagione, togliendo i piumini più caldi, i cappotti, ecc. e chi ha un balcone o un terrazzo può iniziare a seminare.
  • ad aprile: è il momento delle famose “pulizie di primavera”. Per ogni stanza è bene dedicare molto tempo: non dimentichiamo che in ogni stanza occorre pulire pareti, stipiti, soffitti, tende, mobili, dentro e fuori.
  • a maggio: si continua il cambio di stagione, mettendo via i capi più pesanti dopo averli puliti.
  • a giugno: iniziare a tirare fuori il guardaroba estivo e iniziare a sistemare le camere dei bambini per la fine della scuola
  • a luglio e agosto: dovrebbero essere mesi tranquilli, considerando il caldo e il poco tempo a disposizione soprattutto se si hanno figli che non vanno a scuola
  • a settembre: prepararsi per il ritorno a regime, sistemando tutto ciò che è servito per l’estate
  • ottobre: iniziare a liberare balcone o terrazzo dalle varie attrezzature e iniziare a tirare fuori il guardaroba autunnale ed invernale.
  • novembre: controllare i vari elementi dell’impianto di riscaldamento e finire il cambio di stagione
  • dicembre: iniziare a pensare alla casa in vista delle festività

Certo, leggendo i calendari con tutto ciò che occorre fare in casa, un po’ ci si spaventa, ma con la giusta collaborazione alla fine ci si sente anche soddisfatti.

lavori domestici in coppia
Lavori domestici in coppia