Tarli del legno come prevenirli: i consigli utili

tarli legno prevenirli
Tarli del legno come prevenirli: i consigli utili

Tarli del legno come prevenirli: i consigli utili da applicare in casa.

Ci siamo già occupati in diverse occasioni dei tarli del legno e di quanti problemi creino. Possono rovinare quei mobili di famiglia a cui teniamo tanto oppure compromettere strutture portanti della casa come travi, assi o infissi.

Sono un problema molto serio che va affrontato per tempo, mettendo in atto tutte le misure necessarie per prevenirlo. Come dice il proverbio, infatti, meglio prevenire che curare. Ecco come fare.

LEGGI ANCHE: ZANZARE, COME ALLONTANARLE DEFINITIVAMENTE DA CASA E GIARDINO

tarli legno prevenirli
Tarli del legno: i rimedi

Tarli del legno come prevenirli: i consigli utili

I tarli sono dei piccoli insetti di dimensioni dai 2-4 millimetri, quelli più piccoli, ai 6-9 millimetri quelli più grandi. Tendono a scavare dei piccoli buchi nel legno, dove depositano le uova dalle quali escono le larve che mangiano la cellulosa del legno.

Quando sentiamo il suono di una grattata provenire da un mobile di casa, è il segno inconfondibile che è stato infestato dai tarli. Altro segnale è la segatura giallastra che troviamo sotto al mobile. In questo caso, bisogna intervenire subito per evitare che il nostro mobile sia definitivamente compromesso. O peggio che lo sia una struttura portante in legno della casa, come travi o scale.

Abbiamo due possibilità di intervento: chiamare dei professionisti che useranno delle tecniche avanzate oppure ricorrere al fai da te. Il primo metodo fortemente raccomandato in caso di danni gravi, soprattutto strutture portanti, e in presenza di infestazioni molto diffuse. Possiamo fare da soli, invece, quando il danno è circoscritto, riguarda un solo mobile o piccole porzioni di mobili e non è esteso.

Ancora più importante, tuttavia, è la prevenzione. Per prima cosa è bene prendersi sempre cura dei mobili, soprattutto quando sono vecchi o antichi. I tarli li amano molto perché sono più vulnerabili. Puliamo i mobili con regolarità, togliamo polvere, sporco, muffe e lucidiamoli con la cera d’api, che respinge i tarli.

È importante, poi, far prendere aria e luce ai mobili, aprendo spesso le finestre delle stanze dove si trovano, anche se non le frequentiamo spesso. I mobili di antiquariato vanno esposti all’aria aperta ogni tanto e soprattutto vanno sottoposti a trattamenti preventivi antitarlo professionali.

Bisogna evitare di tenere i mobili in un ambiente caldo-umido e buio, perché sono le condizioni ideali per il proliferare dei tarli. Occorre fare attenzione a quando si aprono le finestre di casa in inverno, perché i tarli potrebbero entrare per sfuggire al freddo.

LEGGI ANCHE: ZANZARIERE: COME PULIRLE ALLA PERFEZIONE, I CONSIGLI UTILI

tarli legno
Tarli del legno: i rimedi fai da te