Come cucinare il soffritto: 3 passaggi per prepararlo a regola d’arte

Come cucinare soffritto
Come cucinare soffritto: 3 mosse per prepararlo al meglio

La base da cui parte tutta la tradizione culinaria italiana è sicuramente il soffritto che accompagna e aiuta a rendere deliziosi piatti molto amati come risotti, brasati, ragù ma anche secondi piatti con le verdure. Ecco i passaggi su come cucinare un soffritto a regola d’arte.

Il soffritto è la base di partenza di molti piatti come, ad esempio, i risotti e molti altri. Quando un soffritto viene preparato in maniera perfetta riesce ad esaltare tutti gli ingredienti presenti nel piatto e a donare quel tocco in più, mentre in caso contrario, la ricetta ne risente inevitabilmente.

Ecco come preparare un soffritto a regola d’arte in pochi passaggi.

Come cucinare un soffritto: i passaggi per non sbagliare

Le verdure

Come cucinare soffritto
Come cucinare soffritto: 3 mosse per prepararlo al meglio

La scelta delle verdure è molto importante. Anche se molti utilizzano lo scalogno, da preferire sono le cipolle, in particolare, quelle rosse in quanto riescono a donare al piatto un gusto delicato ma allo stesso tempo saporito. La scelta deve ricadere su quelle piccole.

Per quanto riguarda, invece, le carote, vanno scelte quelle del tipo novelle dal momento che, essendo più morbide, diminuiscono i tempi di cottura.

In riferimento, invece, al sedano particolare attenzione va prestata ad una corretta pulizia.

Va lavato e privato dei filamenti. Dopo tagliatelo a cubetti come anche le cipolle e le carote.

Gli ingredienti, infatti, vanno tritati finemente in modo tale da ottenere un sapore più delicato possibile.

Il condimento

C’è chi utilizza, l’olio al posto del burro e chi il contrario. Tuttavia, per un soffritto preparato a regola d’arte è bene scegliere l’olio evo grazie al suo sapore leggero.

La quantità deve essere dosata in base al numero di persone a tavola. Nello specifico, per ogni persona, dosate 1 cucchiaio di olio evo.

Leggi anche: PIATTI TROPPO SALATI: ECCO COME RIMEDIARE ALL’ECCESSO DI SALE

La cottura

Prima di parlare della cottura, bisogna fare una premessa. Molto importante, infatti, è la scelta della padella che deve essere antiaderente in modo tale da evitare che i vostri ingredienti si attacchino e dai bordi alti così da impedire agli schizzi pericolosi.

Venendo alla cottura, le verdure andranno stufate a fiamma dolce, girando di tanto in tanto per permettere a tutti gli ingredienti di amalgamarsi per bene.

Il soffritto va lasciato stufare fino a quando la cipolla non si sarà sciolta che dovrà apparire anche di colore dorato.

Leggi anche: COME SOSTITUIRE LE UOVA IN CUCINA: 4 CONSIGLI PER DOLCI E SALATI

Ciò detto non resta che cimentarvi in un soffritto a regola d’arte grazie a questi consigli!

Come cucinare soffritto
Come cucinare soffritto