Come pulire le pareti: tutti i segreti per averle come nuove

come pulire le pareti di casa
Come pulire le pareti di casa

Quando si avvicina la primavera scatta la necessità di procedere alle famose “pulizie di primavera”, nelle quali non possono mancare pareti e soffitti. Oggi parliamo di come pulire le pareti per averle come nuove. 

Durante la stagione invernale si passa molto tempo in casa, complice anche la minore luce, e le pareti possono riempirsi di macchie, manate, schizzi, e strusciate, dovute magari ai bambini in giro per casa per la maggior parte del tempo. Tra l’altro i caloriferi accesi possono ingrigire i muri e creare fastidiosi “baffi”.

Come pulire le pareti di casa: dalla sala al bagno

come pulire piastrelle
Come pulire le pareti con piastrelle

Prima di iniziare ad elencare tutte le varie tecniche per pulire le pareti della nostra casa, sottolineiamo l’importanza di predisporre le stanze, aprendo le finestre e spostando ad esempio i mobili dalle pareti e facendo spazio e staccando dal muro eventuali quadri. 

Il primo passo è rimuovere la polvere con l’aspirapolvere o con la scopa detta a “testa di lupo“, oppure con una scopa o spazzolone al quale avete fissato uno straccio in microfibra o di flanella. Strofinare sempre leggermente dall’alto verso il basso.

Se le pareti sono lavabili una volta l’anno potete procedere alla “lavatura” con

  • acqua e ammoniaca (1 cucchiaio per ogni litro di acqua)
  • acqua e sapone neutro
  • acqua e bicarbonato (1 cucchiaio ogni litro d’acqua)

Ecco come procedere: imbevete uno straccio o una spugna pulita e passatela inumidita sulla superficie (mai usare spugne o stracci troppo imbevuti), ripassate con un’altra spugna o straccio inumidito con acqua pulita e lasciate asciugare (potete anche passare uno straccio asciutto).

Nelle stanze in cui sulle pareti avete delle piastrelle, come quelle del bagno o della cucina, queste possono essere pulite con una miscela di acqua e ammoniaca o con altri prodotti dedicati: anche in questo caso bisogna bisogna passare una spugna pulita inumidita e ripassare con una pulita e strizzata.

Ottima alternativa per le pareti del bagno può essere anche l’alcol o un prodotto per i vetri.

Se sui muri avete della carta da pareti, valgono le stesse indicazioni per le pareti verniciate con pittura lavabile.

Se le pareti non sono lavabili e hanno i segni dei mobili o dei quadri potete strofinare con del dentifricio e lasciare agire per almeno 10 minuti. Ripassare poi con una spugna umida.

LEGGI ANCHE: COME PULIRE LE FUGHE DEL PAVIMENTO: 4 RIMEDI SEMPLICI ED ECONOMICI

Come eliminare le macchie dalle pareti?

Innanzitutto bisogna individuare il tipo di macchia. Dopo aver fatto una prova su una zona nascosta e aver visto che funziona possiamo procedere.

Distinguiamo tra:

macchie di unto: sulla carta da pareti si può provare a passare sulla macchia del talco e a portare via l’unto poggiando sopra un foglio di carta assorbente ripassandolo con il ferro caldo ma non bollente. Ripetere l’operazione più volte.

macchie di vino o caffè: se la parete è lavabile basta passare uno straccio umido.

macchie di sugo: passate sulla macchia del succo limone e lasciate agire. Dopo un’ora circa pulite con una spugna inumidita e del sapone. Se l’avete in casa potete anche provare a strofinare con uno straccio e della trielina o della trementina.

baffi dei caloriferi: i segni lasciati dal calore possono essere tolti con una gomma pane o con un panno umido imbevuto di acqua e bicarbonato. Per evitarne la formazione si possono mettere dei “mangifumo” su ogni calorifero, ossia tappeti ad hoc che si possono anche fare con 2 o 3 rettangoli di flanella da fissare sul calorifero.

macchie di muffa: passate un panno asciutto, poi uno imbevuto in acqua ossigenata. Asciugate con il phon. Un’alternativa può essere quella di usare una soluzione di acqua, bicarbonato e sale (3 cucchiai di sale e 3 di bicarbonato in un litro di acqua) e spruzzarla sulle macchie, pulire e asciugare.

macchie di pennarelli o di penne: provate a levarle con acqua e sapone di marsiglia, o con acqua e bicarbonato eseguendo movimenti circolari. Nei casi più ostinati si possono provare prodotti ad hoc ma vanno sempre sciacquati via con un panno umido.

come eliminare macchi di penna
come eliminare macchi di penna