“O Caput elleboro Dignum” La mappa misteriosa

La Mappa del mondo nel cappello del giullare, com’è comunemente nota, è una delle più enigmatiche di tutti i tempi. Pubblicata tra il 1580 e il 1590, rappresenta una mappa del mondo circondata dal cappello di un giullare medievale. Non si ha certezza dell’autore e dell’intento dell’opera, ma la mappa stessa offre alcuni indizi.

La mappa del Giullare
O Caput elleboro dignum


Nell’Europa del XVI secolo, quando i re avevano un potere assoluto, il giullare di corte godeva di una posizione unica. Lui solo, per mezzo della commedia e della presa in giro, poteva contraddire il re, mettere in ridicolo le sue politiche e criticarne apertamente le decisioni. Qui il messaggio del giullare è chiaro:

Re e uomini fanno progetti dei quali Dio ride“.

Le azioni dei regnanti sono così ridimensionate dall’imprevedibilità del mondo stesso.

Plinio il Vecchio

La citazione latina che sormonta la mappa(O Caput elleboro Dignum), attribuita a Plinio il Vecchio, riassume il concetto.
“…] poiché nell’universo intero la Terra non è altro; questa è la sostanza della nostra gloria, questa è la sua dimora, è qui che occupiamo posizioni di potere e aneliamo alla ricchezza, gettando l’umanità nella confusione e scatenando persino guerre civili.”

Plinio il vecchio
Plinio il vecchio


Questa mappa non è unica, ma è in realtà una versione più grande e raffinata di una mappa del 1570 di Jean de Gourmont. Resta il fatto che l’attribuzione di questa versione sia materia di mistero e dibattito.

Connais-toi toi-même- Jean II de Gourmont
Connais-toi toi-même (Conosci te stesso) – Jean II de Gourmont
Questa cartina fu ispirazione per la più famosa “O Caput elleboro Dignum”

Attribuzioni

Nell’angolo superiore sinistro compare il nome Orontius Fineus (versione latina di Oronce Finé), un noto cartografo del XVI secolo, che però morì circa 30 anni prima della pubblicazione di questa mappa. Alcuni hanno ipotizzato che Finé sia in realtà il bersaglio della presa in giro per la sua pratica dell’Astrologia giudiziaria, una tecnica di previsioni basata sulla posizione dei corpi celesti rispetto alla Terra.

Oronce Finé

Altri attribuiscono la mappa – O Caput elleboro Dignum – ad una setta cristiana chiamata Familia Caritatis, di cui si suppone fosse membro il cartografo fiammingo Abramo Ortelio, la cui tecnica ricorda quella della mappa.

Epicthonius Cosmopolites

La mappa stessa contiene una nota, nel cartiglio a sinistra, che ne attribuisce la paternità a un certo Epicthonius Cosmopolites, un’espressione latina traducibile con “ogni uomo“.

Forse potrebbe interessarti anche: Le Navi romane del lago di Nemi

Fonte: Il bellissimo libro di Kevin J.Brown – Viaggio nel Tempo attraverso le mappe antiche – edizione National Geographic

Rispondi