Lewis e Clark: La prima Spedizione verso il Pacifico via terra

La spedizione di Lewis e Clark (1804-1806), condotta da Meriwether Lewis William Clark, fu la prima spedizione a raggiungere la costa pacifica americana via terra. Thomas Jefferson, l’allora presidente degli Stati Uniti, stanziò 2.500 dollari per “mandare ufficiali informati con 10 o 12 uomini ad esplorare fino alla costa ovest”. Jefferson selezionò Lewis per condurre il gruppo, che scelse come suo compagno Willam Clark.

Ritratto di  Meriweather Lewis e William Clark circa 1807

Ritratto di Meriweather Lewis e William Clark circa 1807

Lo scopo della missione

Essi avrebbero dovuto studiare le tribù indiane, la botanica, la geologia e le specie selvagge della zona nonché valutare la potenziale interferenza dei cacciatori di pelli e commercianti, sia inglesi che franco-canadesi, già stabilitisi nell’area. La spedizione non fu la sola ad attraversare il nord America ma avvenne un decennio dopo Alexander Mackenzie, il primo europeo a raggiungere la costa pacifica passando a nord del Messico.

Mappa del Viaggio
Mappa del Viaggio

Il Viaggio

«Abbiamo lasciato Pittsburgh oggi alle 11:00 con un gruppo di 11 uomini 7 dei quali sono soldati, un pilota e tre giovani in fase di addestramento che si sono offerti di venire con me durante il viaggio.»


(Meriwether Lewis)

La prima tribù dei Sioux che incontrarono, gli Yankton, furono molto più pacifici di quelli che sarebbero comparsi più ad occidente, i Teton, conosciuti anche come i Lakota. Gli Yankton rimasero delusi dai regali ricevuti (cinque medaglie) ma comunque ricambiarono con un avvertimento riguardo alla prossima tribù che avrebbero dovuto incontrare. I Teton in effetti accettarono i regali con malcelata ostilità ed uno dei capi chiese una barca in cambio del passaggio sul loro territorio. I nativi diventarono sempre più pericolosi e si sfiorò la battaglia allorché la spedizione si diresse ad ovest risalendo il fiume e raggiunse la tribù dei Mandan per la sosta invernale.

Fort Clatsop
Questa è la rappresentazione di un artista di una scena tipica di Fort Clatsop durante il periodo in cui gli uomini erano lì. Vedete i Capitani mentre aspettano che il loro membro molto importante (e solo femminile), Sacajawea, interpreti per loro mentre parla con gli indiani Clatsop.

Sacajawea 

Nell’inverno 1804-05 venne costruito Fort Mandan nel Dakota del Nord. Qui il gruppo rimase imprigionato nella propria “gabbia” senza cibo dopo essere stato sorpreso da un lungo e violento nubifragio. Le loro vite vennero tratte in salvo dalla nativa americana Sacajawea e da suo marito, i quali unendosi a loro portarono del pesce per sfamarsi. Sacajawea, che era la sorella del capo-tribù dei Shoshoni, intercedette per permettere uno scambio tra i loro gioielli ed il cibo indiano. La presenza della donna fu veramente importante per il suo aiuto nelle traduzioni e per la sua familiarità con le tribù indigene. Era inoltre accompagnata dal suo piccolo figlio, condizione che permise alla spedizione di proseguire senza rischi di battaglie grazie al rispetto delle tribù per la presenza di una donna e di un bambino.

Sacajawea
“Lewis & Clark vengono aiutati da Sacajawea 

Fino all’oceano pacifico

La spedizione proseguì verso la sorgente del Missouri e sopra il passo Lehmi tramite cavalli. Scesero per mezzo di canoe le acque dei fiumi Clearwater, Snake e Columbia, sorpassarono le cascate Celilo e quella che oggi è Portland, in Oregon. A questo punto Lewis riconobbe la sagoma del monte Hood, noto per essere nelle vicinanze dell’oceano. Su un grande pino Clark intarsiò: “William Clark 3 dicembre 1805. Dalla terra degli Stati Uniti nel 1804-1805.”

Lewis e Clark sul fiume Columbia – dipinto di C.M.Russell

Il ritorno

Il 23 marzo 1806 gli esploratori iniziarono la loro marcia di ritorno in parte utilizzando canoe comprate dagli indigeni. Il 3 luglio, dopo aver attraversato il passo montano, il gruppo si divise in due parti. La parte di Lewis esplorando il fiume Marias incontrò la tribù dei Piedi Neri. Clark invece si ritrovò nel territorio dei Crow, noti per essere ladri di cavalli. Lewis e Clark proseguirono separati fino all’11 agosto quando si ritrovarono presso la confluenza dei fiumi Yellowstone e Missouri. Raggiunsero St. Louis il 23 settembre 1806.

Il corpo di esplorazione tornò con importanti informazioni riguardanti il territorio degli Stati Uniti, le popolazioni relative, i fiumi, la fauna e la flora. Inoltre la spedizione diede un immenso contributo alla cartografia del nord-america.

Una mappa della pista di Lewis e Clark
Una mappa della pista di Lewis e Clark, attraverso la parte occidentale del Nord America dal Mississippi all’Oceano Pacifico, nel 1804, 5 e 6. Copiato da Samuel Lewis dal disegno originale di William Clark. Pubblicato a Philadelphia nel 1814 da Bradford e Inskeep.

Forse potrebbe interessarti anche: La Fonte della giovinezza – Il mito

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: