Al-Jazari – Il genio della Meccanica

Al-Jazari è stato un matematicoinventore ingegnere meccanico arabo del XIII secolo d.c.. Fu il più importante esponente della tradizione islamica della tecnologia, è considerato il fondatore della meccanica moderna. Fu autore del trattato “Compendio sulla teoria e sulla pratica delle arti meccaniche“, dove descrisse cinquanta dispositivi meccanici (automi) con le istruzioni per costruirli.

Pompa a catena
Il dispositivo di pompa a catena.

Biografia

Poco è noto riguardo al-Jazarī e la maggior parte delle notizie deriva dalla introduzione al suo libro sugli automi. Il suo nome deriva dalla zona in cui era nato e visse, Al-Jazira, il nome tradizionale arabo per quello che era il nord della Mesopotamia e quello che oggi è l’Iraq nord-occidentale e la Siria nord-orientale, tra il Tigri Eufrate. Come suo padre prima di lui, lavorò dal 1174 al servizio dei Banu Artuq, la famiglia regnante di un emirato che reggeva la regione nei pressi del sud della Turchia. Dopo 25 anni diventò ingegnere capo.

Automa che versa il vino

Macchina per versare il vino. Syria o Egypt 1315


Nel 1206 d.c. completò il suo libro monumentale scritto al fine di registrare le sue invenzioni. Il trattato si intitolava significativamente: Un compendio sulla teoria e la pratica delle arti meccaniche. Questo è l’unico scritto lasciato da al-Jazarī, conosciuto in più copie manoscritte. Il libro è il più ampio trattato di ingegneria meccanica scritto fino all’epoca dell’autore e non solo.

Contenuto del libro

Al-Jazari incorporò nel suo libro i risultati di 25 anni di ricerca e pratica su vari dispositivi meccanici come ingegnere. Il libro descrive in dettaglio cinquanta dispositivi, “figure” o “modelli”,, che sono raggruppati in sei categorie:

  1. dieci orologi ad acqua e a candela;
  2. dieci recipienti e figure adatte per bere;
  3. dieci brocche e bacini per flebotomia e abluzioni prima delle preghiere;
  4. dieci fontane che cambiano la loro forma alternativamente e macchine per il moto perpetuo;
  5. cinque macchine di raccolta dell’acqua;
  6. quattro dispositivi vari (compreso il lucchetto a combinazione primaria).
Slider image

L’automa per l’abluzione delle mani

Slider image

Un automa da tavola

Slider image

La banda di automi musicali

Slider image

Orologio a candela

Slider image

L’orologio elefante

Slider image

Come un moderno libro “fai-da-te”

C’era ovviamente una richiesta di dispositivi di questo tipo che avrebbero fornito divertimento e piacere estetico, oltre a fornire risposte alle esigenze pubbliche e private nel campo della tecnologia per il calcolo del tempo e per l’agricoltura, come la raccolta di acqua per l’irrigazione. 
Il suo libro sembra essere stato molto popolare a giudicare dal gran numero di copie manoscritte che furono realizzate e, come spiega più volte, egli descrive solo i dispositivi che lui stesso ha costruito.

Un debito verso i predecessori

Il libro, Al-Jazari, l’autore riconosce il suo debito verso meccanici greci e arabi, citandoli anche per nome. Ad esempio il monumentale orologio ad acqua, basato su quello di Archimede. Tuttavia egli descrive una serie di dispositivi, tecniche e componenti che sono le innovazioni originali che non compaiono nelle opere precedenti.

Forse può interessarti anche: La agoghè – Educazione secondo Sparta

Rispondi