Etruschi – A caccia col flauto!

Presso gli Etruschi la musica non accompagnava solo la danza ma anche la caccia, le gare sportive, i banchetti e le funzioni religiose. Un brano della “Storia degli Animali”, scritta da Claudio Eliano nel II secolo riporta che gli Etruschi, quando andavano a caccia di cinghiali e di cervi, non si servivano solo dei cani e delle reti, ma anche della musica: essi dispiegavano tutt’intorno le reti per tendere le trappole alle fiere, poi interveniva un esperto suonatore di flauto(Aulos)per produrre con il suo strumento, una melodia, la più dolce e armoniosa possibile.

Slider image

Slider image

Slider image

Questa, diffondendosi nella silenziosa pace delle valli e dei boschi arrivava fino alle cime dei monti, entrando nelle tane e nei giacigli delle fiere. Quando la melodia giungeva alle orecchie degli animali, questi erano inizialmente presi dal timore, poi la musica li affascinava fino a farli uscire per andare incontro a quella voce al cui richiamo non sanno resistere. In questo modo le belve dell’Etruria erano trascinate nelle reti dei cacciatori dalla suggestione della musica.

Rispondi