L’uomo degli alberi – Abdul Samad Sheikh

Dicono che un uomo non può fare la differenza, ma Abdul Samad Sheikh, un guidatore di risciò sessantenne del Bangladesh, è la prova vivente che piccoli contributi per un lungo periodo di tempo possono significare molto. Viene chiamato, l’uomo degli alberi.

Abdul ha piantato nella sua vita circa 17.500 alberi
Abdul ha piantato nella sua vita circa 17.500 alberi

Ha piantato almeno un albero ogni giorno

Ha piantato almeno un albero ogni giorno da quando aveva 12 anni, il che significa che ha finora piantato una piccola foresta di oltre 17.500 alberi. Immagina se tutti seguissero il suo esempio.

L’uomo degli alberi

Abdul Samad Sheikh, affettuosamente conosciuto come “Tree Samad” nella sua città natale di Faridpur, nel centro di Bangladesh, ha lavorato come autista di risciò per la maggior parte della sua vita. Il modesto lavoro guadagna circa 100 taka (1,25 dollari) al giorno, che è appena sufficiente per mettere cibo sul tavolo per la sua famiglia. Ma in qualche modo riesce a comprare almeno un albero dal Centro Faridpur Horticulture, ogni giorno. Lo considera un dovere per il mondo e afferma che non sarebbe in grado di dormire la notte se non piantasse un albero quel giorno.

Abdul al lavoro sul suo risciò
Abdul al lavoro sul suo risciò


Adoro tutte le creature, anche gli animali, ma soprattutto gli alberi.

“Lo sto facendo da quando avevo dodici anni. Per lo più li pianta sul terreno del governo in modo che nessuno possa abbatterli più tardi. Li innaffio anch’io, e se vedo qualcuno tagliare un albero, protesto e li rimprovero. Adoro tutte le creature, anche gli animali, ma soprattutto gli alberi. “Samad, sua moglie Jorna e quattro dei loro bambini vivono in due capanne modeste, su un pezzo di terra che appartiene all’ufficio del vice commissario di Faridpur. Non hanno una terra propria, e a volte i suoi magri guadagni non sono sufficienti per coprire i bisogni della famiglia. Ma dà sempre la priorità al suo acquisto quotidiano di alberi. Jorna a volte lo rimprovera per questo, ma a lui non interessa.

Il premio

Per i suoi sforzi, Abdul Samad Sheikh è stato premiato ed ha ricevuto dal Daily Star un assegno da 100.000 taka ($ 1,253) per aiutarlo a costruire una casa migliore per la sua famiglia. Nel suo discorso di accettazione, il “guardiano della natura” ispiratore, l’uomo degli alberi, ha chiesto a tutti di seguire il suo esempio e proteggere l’ambiente. “Non posso farlo da solo, ho bisogno dell’aiuto di tutti voi”, ha detto Abdul.

La dedizione di Tree Samad alla preservazione della natura ci ricorda l’importanza di queste persone incredibili che hanno dedicato la loro vita a trasformare le terre desolate in foreste lussureggianti. Un esempio da seguire per tutti noi.

Forse potrebbe interessarti anche: E’ una vongola la più longeva della terra.

Rispondi