Plutone non è più un Pianeta del sistema solare

Non sapevi che Plutone…

Pianeta nano: Plutone

Plutone ripreso dalla sonda New Horizon. Autore: NASA / Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory / Southwest Research Institute

Fin dalle prime analisi di Plutone emerse che si trattava di un pianeta anomalo, in quanto la sua orbita era molto diversa e la sua dimensione era modesta rapportata a quella degli altri pianeti. Tuttavia, dal momento della sua scoperta fino alla fine del XX secolo Plutone è sempre stato considerato come il nono pianeta del sistema solare. Quando si è scoperto che Plutone altro non era che uno degli oggetti più grandi della Fascia di Kuiper, alcuni astronomi cominciarono a dubitare del suo status di pianeta.

Dopo la scoperta, il nuovo corpo celeste venne rinominato Plutone, divinità romana dell’oltretomba. Il nome venne suggerito da una bambina di 11 anni, Venetia Burney, figlia di un professore di Oxford. Le prime lettere del nome, PL, anche iniziali dell’astronomo Percival Lowell che per primo ne ipotizzò l’esistenza, costituiscono il suo simbolo astronomico.

Oggi:

Plutone è un pianeta nano orbitante nelle regioni periferiche del sistema solare, con un’orbita eccentrica a cavallo dell’orbita di Nettuno; fu scoperto nel 1930 da Clyde Tombaugh e inizialmente classificato come il nono pianeta. Tuttavia venne riclassificato come pianeta nano il 24 agosto 2006 e battezzato formalmente 134340 Pluto dalla Unione Astronomica Internazionale. Plutone è il più grande tra i pianeti nani del sistema solare e il secondo più massiccio, superato in questo caso solo da Eris.

Curiosità

Plutone ha fatto da scenario per diverse opere narrative, principalmente di fantascienza, fin dalla sua scoperta. Alla sua popolarità ha certamente contribuito il fatto che – quand’era ancora classificato come pianeta – aveva il primato di essere il pianeta più esterno del sistema solare. Secondo un’idea popolare nella prima fantascienza, i pianeti più esterni, formandosi prima, sarebbero divenuti abitabili prima rispetto alla Terra, dunque Plutone avrebbe potuto ospitare esseri molto evoluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.